Cerca nel sito
Chiudi

Anticorpi antirecettori TSH (Anticorpi Tiroidei)

Gli autoanticorpi tiroidei sono degli anticorpi e dei componenti del sistema immunitario che si sviluppano
in modo non corretto contro la ghiandola tiroidea, provocandone un danneggiamento tissutale,
un'infiammazione cronica e un disturbo nella funzionalità.

L'organismo utilizza l'ormone che stimola la tiroide (TSH) per attivare e disattivare la produzione di ormoni da parte della tiroide stessa e per mantenerne una concentrazione stabile nel tempo. 

Se gli autoanticorpi tiroidei vanno a interferire con questo sistema a retroazione (feed-back), si possono sviluppare patologie croniche e malattie autoimmuni associabili a ipertiroidismo e ipotiroidismo.

Perché fare il test degli anticorpi antirecettori TSH?

Il test degli anticorpi antirecettori TSH è necessario:

  • Per la diagnosi e il monitoraggio di patologie tiroidee autoimmuni
  • Per distinguere tra patologie tiroidee autoimmuni e altre forme di malattie tiroidee
  • Per determinare il piano terapeutico più opportuno

Quando fare il test degli anticorpi antirecettori TSH?

È utile fare il test degli anticorpi antirecettore TSH quando:

  • Si ha un aumento visibile delle dimensioni della tiroide (gozzo)
  • Se gli esami riguardanti la funzionalità tiroidea indicano la presenza di una disfunzione tiroidea
  • Per monitorare la patologia, insieme all'esame della tireoglobulina
  • Come esame di routine in caso di patologia tiroidea autoimmune

Campione richiesto per gli anticorpi antirecettori TSH?

Viene prelevato un campione di sangue venoso.

Preparazione

No, questo esame non necessita di alcuna preparazione.

Serve il digiuno?

, è consigliabile che il paziente si presenti a digiuno per effettuare l’esame.

È opportuno fare l’esame degli anticorpi antirecettori TSH di prima mattina?

, è opportuno fare il test degli anticorpi antirecettori TSH di prima mattina.

In cosa consiste l’esame degli anticorpi antirecettori TSH?

Questo test permette di determinare la quantità e la presenza, o meno, di specifici autoanticorpi tiroidei.

Cosa sappiamo con questo esame?

Con il test degli anticorpi antirecettori TSH possiamo:

  • Determinare la presenza di anticorpi tiroidei per poter diagnosticare una malattia tiroidea autoimmune
  • Verificare una disfunzione tiroidea in abbinamento a segni e sintomi visibili quali dimensioni della tiroide (gozzo)
  • Verificare la presenza di patologie autoimmuni tiroidee in caso di disturbi alla tiroide, in quei pazienti che presentano già patologie autoimmuni come lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide e anemia perniciosa
  • È necessario monitorare la terapia in corso per un tumore alla tiroide

Quando viene prescritto l’esame degli anticorpi antirecettori TSH?

  • Quando si sospetta una malattia autoimmune in quei soggetti che presentano sintomi relativi a basse o alte concentrazioni di ormoni tiroidei
  • In caso di ipotiroidismo (bassa concentrazione di ormoni tiroidei), con sintomi quali: gozzo, aumento di peso, affaticamento, perdita di capelli, secchezza della cute, costipazione e difficile tolleranza del freddo
  • In caso di ipertiroidismo (alta concentrazione di ormoni tiroidei),  con sintomi quali: ansia, tremori, aumento della frequenza cardiaca, aumento della sudorazione, affaticamento, difficoltà del sonno, improvvisa perdita di peso e occhi sporgenti
  • Nelle donne in gravidanza che presentano patologie autoimmuni tiroidee o di altro tipo, per valutare il rischio da parte del neonato di presentare disfunzioni tiroidee
  • In caso di difficoltà riproduttive, quando si sospetta che queste difficoltà siano associabili alla presenza di autoanticorpi

Utile da sapere

  • La presenza di anticorpi tiroidei indica la presenza di una malattia autoimmune della tiroide
  • Se con il test degli anticorpi antirecettori TSH si ottiene un risultato negativo, significa che la patologia del soggetto non è di tipo autoimmune
  • Se si pensa che si possa avere un aumento dei valori di tali anticorpi nel tempo (come avviene in tutte le malattie autoimmuni) è necessario ripetere più volte il test