Cerca nel sito
Chiudi

Pcos, che cos’è la sindrome dell’ovaio policistico

A cura di
Eleonora
Iachini

La sindrome dell'ovaio policistico è una malattia molto comune fra le donne in età riproduttiva che colpisce il sistema endocrino e può determinare un importante ingrossamento delle ovaie che contengono piccoli accumuli di cisti liquide.

Che cos’è la sindrome dell’ovaio policistico?

L'ovaio policistico si caratterizza per una grande presenza di follicoli inattivi, di ridotte dimensioni, che vengono chiamati micro-cisti. L'origine di questa condizione ha carattere ginecologico, non ormonale e può essere agevolmente accertata mediante una semplice ecografia. La sindrome dell'ovaio policistico (Pcos), invece, è una malattia molto comune fra le donne in età riproduttiva che colpisce il sistema endocrino e può determinare un importante ingrossamento delle ovaie che contengono piccoli accumuli di cisti liquide. 

Non è ancora noto esattamente a quali cause sia dovuto lo sviluppo della Pcos, anche se questa sindrome sembrerebbe legata ad una disfunzione del sistema riproduttivo, a sua volta causata da:

  • squilibri metabolici
  • mutazioni genetiche
  • fattori ambientali

Tra gli altri fattori che potrebbero essere coinvolti con la Pcos ci sono:

Quali sono i sintomi dell’ovaio policistico?

Il sintomo più comune è l'alterazione della regolarità mestruale. Si possono avere cicli irregolari con un ritmo (cioè la distanza tra una mestruazione e l'altra) superiore di 30 giorni oppure l'assenza totale del ciclo mestruale (amenorrea). 

Un altro sintomo della sindrome dell'ovaio policistico è rappresentato dall'anovulazione, cioè l'assenza di ovulazione. Questa può comportare problemi di fertilità e rendere difficoltosa una gravidanza.

Gli elevati livelli di ormoni maschili possono comportare fenomeni come:

Come si fa la diagnosi?

La diagnosi si basa innanzitutto su:

  • sintomatologia riportata dalla paziente
  • ecografia che mostra un aspetto caratteristico delle ovaie (a corona di rosario)
  • dosaggio di alcuni ormoni (in particolare l'FSH, l'LH e gli ormoni maschili)

Per prima cosa, quindi, lo specialista raccoglie informazioni facendo l’anamnesi della paziente. In particolare, richiede:

  • storia del ciclo mestruale
  • eventuale infertilità
  • storia familiare e eventuale presenza di parenti con Pcos

Dopodiché:

  • effettua una visita ginecologica completa
  • misura la pressione del sangue e la circonferenza della vita
  • calcola l’indice di massa corporea della paziente per valutare eventuali condizioni di sovrappeso o obesità

Con il supporto dei risultati di esami strumentali come l’ecografia pelvica transvaginale, lo specialista in ginecologia valuta:

  • condizione delle ovaie
  • presenza di cisti follicolari
  • spessore dell’endometrio

Per effettuare la diagnosi di sindrome dell’ovaio policistico non è sufficiente una singola manifestazione sintomatologica. In molti casi, la diagnosi viene fatta solo in seguito all’esclusione di altre patologie o condizioni che causano una sintomatologia simile a quella della Pcos. 

In alcuni casi, infine, una serie di alterazioni a livello ormonale, causa di iperandrogenismo (aumento della produzione di ormoni androgeni) può associarsi alla sindrome dell’ovaio policistico.

L’opportunità di effettuare esami clinici finalizzati a valutare l’origine di questa condizione e il suo eventuale legame con la Pcos si rende necessaria nel momento in cui i sintomi dovessero peggiorare in modo repentino.

Come si cura l’ovaio policistico?

Il trattamento dipende molto dall'età della paziente e dal suo desiderio o meno di gravidanza nell'immediato.

L'inositolo è un integratore vitaminico che contribuisce a regolarizzare il metabolismo, a favorire la maturazione dell'ovaio e a migliorare la fertilità nelle donne con cicli irregolari che cerchino una gravidanza. L'utilizzo della pillola anticoncezionale andrebbe riservato invece a coloro che non desiderano gravidanze nel breve termine o per migliorare temporaneamente l'aspetto fisico in caso di acne e peluria.

In alcuni casi, soprattutto qualora vengano riscontrati elevati livelli di glucosio, il medico può prescrivere anche la metformina – utilizzata generalmente per il diabete di tipo 2 -, che può comportare effetti positivi sulla regolarità delle mestruazioni. Qualora la sindrome delle ovaie policistiche sia correlata ad una difficoltà nel rimanere incinta, il medico può ritenere opportuno un trattamento farmacologico a base di FSH e LH a supporto dell'ovulazione.

Gravidanza e ovaio policistico

La sindrome dell’ovaio policistico è una delle principali cause di sterilità tra le donne. Si tratta, tuttavia, di una condizione che può essere trattata nella maggior parte dei casi. Per tale ragione, l’eventualità di avere una gravidanza anche per le pazienti con Pcos è ragionevolmente possibile. 

Una delle manifestazioni della Pcos è, come detto, l’anovulazione. Al fine di facilitare l’ovulazione, quindi, possono essere prescritti farmaci come:

  • anti-estrogeni da assumere all’inizio del ciclo mestruale (es. clomifene)
  • inibitori del rilascio di insulina
  • metformina, capace di ridurre in modo indiretto la secrezione di insulina

Come si fa a prevenire questa sindrome?

Sicuramente uno stile di vita sano con alimentazione e sport regolari, una quantità di ore di sonno adeguata e costante sono degli ottimi alleati per prevenire la sindrome dell'ovaio policistico. È molto utile anche consumare alcuni alimenti ricchi di acido folico come i cereali integrali (specialmente crusca e grano), gli agrumi, la frutta secca (mandorle e noci in particolare) e i legumi