Cerca nel sito
Chiudi

Sideremia, come funziona l’esame del ferro sierico

La sideremia è il test che misura la concentrazione ematica del ferro, un elemento essenziale per la produzione di globuli rossi sani

La sideremia è il test che viene prescritto per misurare la concentrazione di ferro nel sangue. Questo elemento è essenziale per il nostro organismo e, in particolare, per la produzione di globuli rossi che funzionino correttamente. Il ferro, infatti, è una componente essenziale dell'emoglobina, la proteina che si occupa di legare l’ossigeno ai globuli rossi nei polmoni e rilasciarlo in tutto l’organismo.

Vediamo allora quando e perché viene richiesto questo test e come interpretare i suoi risultati.

Nome

Sideremia

Altro nome

Ferro [S], Ferro sierico

Codice Regionale

90225


Che cos’è la sideremia negli esami del sangue?

Questo tipo di analisi serve a misurare la quantità di ferro presente nell’organismo che si lega alla transferrina nella parte liquida del sangue.

Glicoproteina sintetizzata all’interno del fegato, la transferrina rappresenta il principale mezzo di trasporto del ferro nel corpo umano. Queste proteine legano il ferro che viene assunto con l’alimentazione e assorbito nell’intestino. Dopodiché lo trasportano, a secondo delle necessità, ai vari organi e, in particolare, al midollo osseo, dove è incorporato circa il 70% del ferro assunto con il cibo. Il ferro rimanente finisce nei tessuti sotto forma di ferritina.

Quando e perché vengono prescritte queste analisi?

La sideremia viene solitamente prescritta nell’ambito dei test finalizzati a valutare il processo metabolico del ferro.

Il medico può richiedere queste analisi in presenza di alcune situazioni e condizioni quali:

  • Emocromo con valori alterati di ematocrito e emoglobina
  • Microcitici (globuli rossi più piccoli del normale)
  • Ipocromici (globuli rossi più pallidi del normale)
  • Anemia sideropenica

L’anemia può presentarsi con sintomi in presenza dei quali il medico può richiedere il test del ferro sierico. Tra i principali ci sono:

Qual è il campione necessario?

Il campione di sangue necessario per il test può essere prelevato dalla vena di un braccio.

Come ci si prepara alle analisi?

Può essere richiesto di osservare un digiuno di almeno 12 ore per poter fare questo esame. L’unica cosa consentita è bere acqua. Solitamente queste analisi vengono effettuate al mattino.

Cosa significa avere la sideremia bassa?

In un uomo sano sono considerati valori normali quelli compresi tra i 53 e i 167 microgrammi. Nelle donne senza particolari patologie, invece, il range va da 49 a 151.

La sideremia può risultare bassa a causa di molteplici ragioni quali:

Ci sono poi alcune patologie specifiche che hanno, tra le loro manifestazioni, la carenza di ferro:

  • Malattie infettive
  • Diabete
  • Anemia sideropenica
  • Tumori (linfoma di Hodgkin, tumori al seno e ai polmoni)

Cosa vuol dire avere la sideremia alta?

L’eccesso di ferro, al contrario, può essere dovuto a:

  • Dieta ricca di ferro
  • Emocromatosi ereditaria
  • Patologie epatiche croniche o renali
  • Trasfusioni
  • Avvelenamento da piombo