Cerca nel sito
Chiudi

Ferritina, perché e quando effettuare il test

Questo test misura la concentrazione di ferritina nel sangue. La ferritina è una proteina
che possiamo considerare il principale deposito di ferro all’interno del nostro organismo.

Nome

Ferritina

Altri nomi

Ferritina sierica

Codice regionale

90.22.3

Perché fare il test della ferritina?

È necessario fare questo test per verificare la quantità di ferro all’interno dell’organismo, in modo da poter capire se si è in carenza o in eccesso di ferro.

Quando fare il test della ferritina?

Dopo aver effettuato il test dell’emocromo e aver riscontrato valori bassi dell’ematocrito e dell’emoglobina oppure quando il proprio medico, in base ad evidenze cliniche, sospetti che il paziente sia in uno stato carenziale o di accumulo di ferro.

Campione richiesto per la ferritina?

È richiesto un campione di sangue venoso che viene prelevato dal braccio.

Preparazione

L’esame richiede una preparazione prima di essere effettuato.

Serve il digiuno?

È probabile che venga richiesto di rimanere a digiuno nelle 12 ore che precedono il test. È possibile l’assunzione solo di poca acqua.

È opportuno fare l’esame della ferritina di prima mattina?

, è opportuno effettuare questo test di prima mattina.

In cosa consiste l’esame della ferritina?

Il ferro è un elemento estremamente importante per il nostro organismo, è presente in tracce in molti tra i cibi che mangiamo ed è necessario alla produzione dei globuli rossi. Nelle persone sane infatti, la maggior parte del ferro viene incorporato all’interno dell’emoglobina presente nei globuli rossi.

I tessuti nei quali si trova sono la milza, il fegato, il midollo osseo e i muscoli scheletrici (in piccole quantità è presente anche nel plasma).

Quando la concentrazione di ferro tende a diminuire, i depositi di ferritina vengono utilizzati per sopperire alle necessità dell’organismo. I livelli di ferritina quindi diminuiscono a causa di:

  • Mancato assorbimento (vedi celiachia)
  • Insufficiente apporto di ferro a causa di una dieta carente di tale elemento
  • Aumento della richiesta di ferro (in caso di gravidanza, in presenza di patologie che presentano in modo cronico eventi emorragici o durante l’adolescenza)

Il persistere di bassi livelli di ferro possono portare ad anemia.

Cosa sappiamo con questo esame?

Con questo test è possibile conoscere la quantità dei depositi di ferro all’interno dell’organismo. Insieme a questo test vengono prescritti:

  • La sideremia, misura la quantità di ferro nel sangue
  • La TIBC, capacità totale del legare il ferro

In un adulto, i valori medi di ferritina sono:

  • Nelle donne equivale a 20-120 nanogrammi/mL (20-120 microgrammi/L)
  • Negli uomini equivale a 20-200 nanogrammi/mL (20-200 microgrammi/L)

I valori di ferritina sono variabili anche a seconda del sesso e dell’età. Risultano più bassi nelle donne al terzo mese di gravidanza e nelle persone che praticano un’intensa attività sportiva.

Quando viene prescritto l’esame della ferritina?

Questo esame può essere prescritto quando, dopo aver effettuato un test emocromocitometrico si sia rilevata una condizione di anemia con emoglobina bassa (ematocrito basso) e globuli rossi microcitici e ipocromici.

Inizialmente il paziente anemico potrebbe non presentare sintomi, poi successivamente presentare:

Il test per misurare la concentrazione di ferro nel sangue, può essere effettuato anche per verificare un eventuale sovraccarico di questo elemento. I sintomi e i segni possono variare da persona a persona e avere un peggioramento nel tempo, e possono essere ad esempio:

  • Senso di fatica e debolezza
  • Perdita di peso
  • Mancanza di energia
  • Dolore addominale
  • Dolore articolare
  • Problemi cardiaci
  • Problemi epatici

Utile da sapere

In caso di ferritina bassa si consiglia l’assunzione di cibi ricchi di ferro come carne, pesce, molluschi, crostacei, legumi o frutta secca. In alternativa è possibile assumere degli integratori di ferro.