Cerca nel sito
Chiudi

Calcemia, cos’è e perché fare l’esame

La calcemia è il test effettuato per misurare la concentrazione di calcio nel sangue, nell’ambito degli esami condotti per valutare il quadro metabolico del paziente

La calcemia è l’esame che misura i livelli di concentrazione nel sangue di calcio. Quest’ultimo svolge un ruolo chiave nel nostro organismo per quanto riguarda:

  • Coagulazione del sangue
  • Crescita e divisione cellulare
  • Trasmissione degli impulsi nervosi
  • Contrazione dei muscoli

Vediamo allora in che cosa consiste questo esame, quando e perché viene prescritto e come interpretare i risultati delle analisi.

Nome

Calcemia

Altri nomi

Calcio

Codice Regionale

90114

Che cos’è la calcemia?

Con il termine calcemia viene indicato il livello di concentrazione del calcio nel sangue. Questo minerale può circolare nel nostro organismo sia in forma libera (quella metabolicamente attiva) sia legato alle proteine plasmatiche (globuline e albumina).

Il calcio totale va a monitorare i livelli di entrambe le forme e fa parte delle analisi di routine che vengono prescritte per valutare lo stato di salute generale del paziente. Il calcio ione, invece, è il test che misura i livelli del calcio circolante in forma libera, ovvero slegato dalle proteine plasmatiche.

La quasi totalità (99%) del calcio viene immagazzinata nelle ossa, mentre appena l’1% circola nel sangue. 

La concentrazione ematica di questo minerale viene regolata in modo tale che ne sia sempre garantito un livello costante. Ciò avviene attraverso la mobilitazione del calcio dalle ossa. 

Quando e perché viene prescritto questo esame?

La calcemia viene richiesta nell’ambito degli esami del pannello metabolico. Oltre a questo, può essere prescritta in presenza di sintomi associabili a malattie renali, tiroidee e ossee

Il medico può richiedere questo esame quando si presentano i sintomi dell'ipercalcemia quali:

  • Debolezza
  • Stanchezza
  • Nausea e vomito
  • Perdita di appetito
  • Minzione frequente
  • Incremento della sete
  • Dolore addominale e costipazione 

O anche in presenza dei tipici segnali dell’ipocalcemia come:

  • Crampi muscolari e addominali
  • Formicolio alle dita

Infine, la calcemia può essere necessaria per alcuni tipi di tumori o per valutare l’efficacia di una terapia finalizzata alla normalizzazione dei livelli di calcio presenti nell’organismo.

Qual è il campione necessario?

Il campione di sangue necessario per effettuare il test della calcemia può essere prelevato dalla vena di un braccio. 

In alternativa, le analisi possono essere condotte su un campione di urina (le prime urine del mattino) o le urine raccolte nell’arco delle 24 ore.

Come ci si prepara al test?

Per effettuare la calcemia non è necessario osservare il digiuno, ma potrebbe essere richiesto di sospendere l’assunzione di alcuni farmaci in grado di alterare gli esiti delle analisi quali:

Cosa significa avere la calcemia alta?

La calcemia totale misura i livelli di calcio nel sangue e non quelli totali dell’organismo. I valori normali a livello ematico in un adulto sano senza particolari patologie dovrebbero essere compresi tra i 9 e gli 11 milligrammi per decilitro

L’ipercalcemia indica la condizione per la quale i valori del calcio nel sangue sono superiori al normale. Tra le cause principali ci possono essere:

  • Ipertiroidismo
  • Hiv
  • Tubercolosi
  • Sarcoidosi
  • Eccesso di vitamina D
  • Iperparatiroidismo, condizione che può essere provocata da un tumore benigno alla ghiandola paratiroidea

I tumori che si diffondono nelle ossa possono causare ipercalcemia, così come situazione di prolungata immobilità o il trapianto di reni.

Perché si abbassa il calcio?

Tra i principali motivi per cui i livelli di calcio nel sangue si abbassano ci sono:

  • Ipoparatiroidismo
  • Carenza di calcio nella dieta
  • Calo della concentrazione di vitamina D
  • Carenza di magnesio
  • Aumento del fosforo
  • Pancreatite
  • Insufficienza renale

L’ipocalcemia può essere dovuta anche a problemi di malnutrizione e alcolismo, a patologie del fegato o ad una bassa concentrazione di albumina. In quest’ultimo caso, però, risulta basso solo il calcio legato alle proteine plasmatiche. Il calcio ione, invece, ovvero quello presente in forma libera, è normale e, di conseguenza, i processi metabolici del calcio funzionano in modo corretto.