Cerca nel sito
Chiudi

La leucocitosi (aumento dei globuli bianchi nel sangue)


Con il termine leucocitosi ci si riferisce a ogni condizione caratterizzata da un aumentato numero di globuli bianchi nel sangue (leucociti), incluse la linfocitosi assoluta e la neutrofilia assoluta.

Che cos'è la leucocitosi?

Si usa il termine leucocitosi per indicare una condizione caratterizzata dall'aumento del numero di globuli bianchi (anche noti come leucociti) nel sangue. Non sempre questa condizione è sintomo di una grave patologia. Proviamo ad analizzare come si presenta, quali possono essere le cause scatenanti e in che modo comportarsi.

Quali sono i sintomi della leucocitosi?

A seconda della gravità della leucocitosi (malattia scatenante e conta leucocitaria) i sintomi possono essere differenti:

  • Dolore alle braccia
  • Febbre alta
  • Debolezza
  • Difficoltà di concentrazione
  • Disturbi della visione
  • Lividi
  • Inappetenza
  • Perdita di peso
  • Sanguinamento
  • Vertigini

Cosa comporta un aumento del valore dei globuli bianchi?

Tra le cause di origine della leucocitosi possono esserci:

Forme di leucocitosi

  • L. basofila, forma dovuta ad un aumento di granulociti basofili, in genere non in risposta a processi infettivi
  • L. da digestione, modesta leucocitosi transitoria che segue normalmente all’ingestione di cibo
  • L. del neonato, normale leucocitosi osservata durante i primi quattro giorni di vita, che riflette un incremento transitorio del numero dei neutrofili al di sopra di 30.000 per mm3
  • Leucocitosi eosinofila e basofila, incremento di granulociti eosinofili nel sangue periferico, come nelle malattie allergiche e nelle infestazioni elmintiche
  • L. fisiologica, orma dovuta a normali stimoli fisiologici, come esercizio o altri fattori non patologici
  • L. mononucleare, forma dovuta ad un incremento di monociti nel sangue periferico, come può verificarsi nella tubercolosi, nella brucellosi, nella sifilide, in alcune infezioni da rickettsie e da protozoi oppure durante le fasi di convalescenza di infezioni acute
  • Leucocitosi neutrofila o pura, forma dovuta a un incremento di granulociti neutrofili nel sangue periferico, come in molte malattie infettive
  • L. patologica, forma dovuta a infezione, infiammazione o ad altre patologie
  • L. terminale o agonica, elevazione del numero dei leucociti nel sangue che si verifica prima della morte
  • L. tossica, aumento del numero dei leucociti nel sangue, come risposta ad una grave infezione

Quando preoccuparsi dei valori dei globuli bianchi?

Si parla di leucocitosi quando la concentrazione di globuli bianchi nel sangue supera il valore di 10.500 unità per µl.

L'elevato numero di globuli bianchi può indicare che il nostro organismo si trova di fronte a:

  • Un virus
  • Un'infezione temporanea
  • Un'infezione cronica, nel caso di gravi malattie

Come si fa ad abbassare i globuli bianchi?

Non sempre la leucocitosi può essere associata a una grave malattia, per questo motivo è necessario confrontarsi con il proprio medico per capire, mediante un'approfondita visita e analisi diagnostica, la causa scatenante di questa condizione e per individuare successivamente la più corretta terapia farmacologica.

 

La scheda si basa sulle informazioni contenute nel "Dizionario Medico" di Antonio Cancellara (Verduci Editore)