Pap Test | Centro Medico Santagostino
Cerca nel sito
Chiudi

Il pap test è eseguito dal ginecologo solo durante la visita ginecologica. 

Se devi effettuare solo il pap test prenota Pap test (ostetricia).

Prestazione

Pap Test (ginecologia)

Dove
Milano, Monza e dintorni
Bologna e dintorni
Brescia
Bergamo e dintorni
Roma
Busto Arsizio

L'esame verrà eseguito da un'ostetrica. Se devi effettuare anche altri esami (es: pap test) puoi richiederli direttamente in fase di visita a un costo aggiuntivo. Attendi che siano passati almeno 10 giorni dal primo giorno dell'ultima mestruazione.

Note di preparazione

Sospendi almeno 3 giorni prima dell'esame i rapporti sessuali ed eventuali terapie farmacologiche locali (candelette, ovuli, lavande ecc).

Che cos'è il pap test?

Il pap test è un esame fondamentale per la diagnosi precoce di uno dei tumori più diffusi tra le donne: quello al collo dell’utero. Il pap test serve a individuare l'eventuale presenza dell'HPV (Papilloma Virus). 

Come si esegue?

Con un prelievo vaginale tramite un'apposita spatolina, prendendo alcune cellule che si staccano spontaneamente dal collo dell'utero, che vengono poi “strisciate” (il pap test è chiamato infatti anche “striscio”) su un vetrino, e poi esaminate al microscopio (esame citologico). Il pap test non sostituisce la visita ginecologica e non fa diagnosi precoce di altre malattie.

Qual è la differenza tra il pap test tradizionale e il pap test in fase liquida?

Il pap test trdazionale, noto anche con il nome di Papanicolau su vetrino, e il pap test in fase liquida sono entrambi test di screening utilizzati per ricavare le anomalie cellulari che potrebbero indicare la presenza di lesioni precancerose o cancerose del collo dell'utero. Nel pap test su vetrino e quello in fase liquida (thin prep) le modalità di prelievo sono le stesse; a differire è il processo di conservazione e di analisi del campione e quindi il livello di precisione e sensibilità dei risultati. 

La differenza principale tra i due test è la modalità di raccolta e di analisi delle cellule cervicali. Nel pap test tradizionale, le cellule cervicali vengono raccolte utilizzando uno strumento simile ad uno scovolini e vengono stese direttamente su un vetrino. Nel pap test in fase liquida, invece, le cellule vengono raccolte con il Cervex brush, uno strumento strutturato in modo tale da avere setole centrali più lunghe e setole laterali più corte così da raccogliere contemporaneamente cellule endo ed esocervicali; successivamente vengono immerse in un mezzo di contrasto liquido che aiuta a mantenere la loro integrità. Così facendo è necessario meno materiale per il prelievo. Il pap test in fase liquida permette di utilizzare tutto il materiale raccolto (con il pap test tradizionale su vetrino il materiale rimane attaccato alle spatole e gettato via insieme agli strumenti dopo essere stato strisciato).

Per l’analisi del materiale, la preparazione del vetrino è standardizzata, cioè  omogenea e precisa perché viene effettuata direttamente in laboratorio da una macchina. In questo modo si riduce notevolmente il numero di pazienti con materiale non adeguato e quindi da richiamare per ripetere l’esame. Pertanto, sarebbe preferibile effettuare il pap test in fase liquida rispetto al tradizionale su vetrino, perché più accurato, meno soggetto a errori di interpretazione e le cellule sono meglio conservate.

Che differenza c’è tra pap test e HPV test?

Il pap test e l'HPV test sono due test di screening, utilizzati per la prevenzione del cancro cervicale, cioè del collo dell’utero. Si differenziano per i loro obiettivi e le metodologie utilizzate. Il pap test è un esame citologico che consiste nel prelevare delle cellule dall'area del collo dell'utero (cervice), da analizzare al microscopio. Questo test viene utilizzato per individuare eventuali anomalie nelle cellule cervicali, come cellule precancerose o cancerose. Se il pap test mostra risultati anomali, può essere necessario sottoporsi a ulteriori esami diagnostici, come la colposcopia o la biopsia, per confermare la presenza di lesioni precancerose o cancerose.

L'HPV test, d'altra parte, è un test specifico per la rilevazione del virus del papilloma umano (HPV), che è la causa principale del cancro cervicale. L'HPV test preleva campioni di cellule cervicali, come nel pap test, ma invece di analizzare le caratteristiche cellulari, cerca la presenza del materiale genetico del virus HPV nelle cellule. L'HPV test può individuare l'infezione da HPV anche prima che si sviluppino cambiamenti cellulari precancerosi.

In sintesi, il pap test analizza le cellule cervicali per individuare anomalie, mentre l'HPV test cerca la presenza del virus HPV nelle cellule. Entrambi i test sono importanti strumenti di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce del cancro cervicale. È consigliabile consultare il proprio medico o il proprio ginecologo per determinare la frequenza e il tipo di test di screening appropriati per la propria situazione.

Indicazioni prima di fare il pap test

Per avere i migliori risultati prima di effettuare l'esame è bene osservare queste semplici indicazioni:

  • aspettare almeno 10 giorni dal 1°giorno dell'ultima mestruazione;
  • sospendere almeno 3 giorni prima dell'esame i rapporti sessuali ed eventuali terapie farmacologiche locali (con candelette, ovuli, lavande ecc).

Ogni quanto eseguire il pap test?

Le Linee Guida consigliano di eseguire il test con regolarità, almeno ogni tre anni, tra i 25 e i 30 anni di età.  Dopo i 30 anni, l'esame di riferimento è l'HPV test, da eseguire ogni 5 anni in caso di negatività. 

Come si leggono i risultati del pap test?

Per rendere comprensibile a tutti che cosa si nasconde dietro le sigle dei referti del pap test, il Gruppo italiano Screening del Cervicocarcinoma (Gisci), ha scritto questo opuscolo informativo, liberamente scaricabile, che aiuta a capire meglio i risultati del test.

Quanto costa il pap Test (ginecologia)?

Un pap Test (ginecologia) al Santagostino costa 35 euro (da cosa dipende il prezzo?) .

Specialità

  • Ginecologia

Equipe

Alessandro
Alfei
Monica
Angelini
Maria Chiara
Autuori
Maurizio
Barbieri Carones
Francesca
Bertolina
Gaia
Boccuzzi
Valentina
Bonanni
Margherita
Bradascio
Barbara
Buonomo
Selene
Cammarata
Francesco
Cantatore
Sabrina
Cappelletti
Guia
Carminati
Cristiano
Cartella
Monica
Cattoli
Loris
Cazzato
Sara
Clemenza
Davide Antonio Maria/dyadea
Colombo
Maria Giulia
Corbucci
Valentina
Costa
Maria Luisa
Crisafulli
Raffaella
Daguati
Sarah
De Bastiani
Eugenia Maria
De Crescenzo
Debora
Diacono
Domenico Roberto
Diaferia
Antonia Anna
Errico
Sonia
Faulisi
Federica
Federico
Andrea
Finco
Valeria
Fiore
Marzia
Frateschi
Eleonora Maria
Fumagalli
Sara
Gaita
Giulia
Galati
Giulio
Gandolfi Colleoni
Susana
Garcia Rey
Luciano
Ghisoni
Erika
Giambattista
Raffaele
Gnoni
Alice
Guarano
Raffaella
Iodice
Pietro
Iovenitti
Nina
Kohler
Antonella
Lanfranchi
Marinella
Lenzi
Franca
Lullini
Giuseppe
Mangiafico
Rosalbino
Mantuano
Giovanna
Marforio
Silvia
Marsico
Annamaria
Massarelli
Carlo
Matrisciano
Patrizia
Mattei
Allegra
Mazzeo
Paola Carmela
Mitola
Angelo
Montemurro
Bruno
Moretti
Cesare Maria
Nava
Elvira
Nocita
Silvia
Oneda
Francesca
Padula
Roberta
Pasin
Mariangela
Piemontese
Vincenzina
Porcaro
Anna
Redaelli
Anna Laura
Regalia
Lucia
Ricci Maccarini
Jennifer
Riparini
Viviana
Santandrea
Matteo
Schimberni
Emilia
Sganga
Gabriele
Siesto
Elisa
Sipio
Maria Donata
Spazzini
Genoveva Ramona
Stef
Chiara
Stefani
Iacopo
Tandoi
Pietro
Tassan
Michela
Teruzzi
Francesca
Testa
Gabriele
Traversa
Roberto
Vigorito
Massimo
Zuanetti
Stefano
Zucchini