Cerca nel sito
Chiudi

Progesterone, cos’è e a cosa serve

Il progesterone è uno degli ormoni coinvolti nella preparazione dell’organismo femminile alla gravidanza

A cosa serve il progesterone?

Il progesterone è uno degli ormoni coinvolti nella preparazione dell’organismo delle donne alla gravidanza. Il progesterone viene prodotto dal corpo luteo, il quale si forma nella sede in cui è stato rilasciato l’ovulo da una delle due ovaie grazie all’azione dell’ormone luteinizzante (Lh). La funzione principale del progesterone è quella di interrompere lo sviluppo dell’endometrio (il rivestimento uterino) per preparare l’utero all’eventuale impianto dell’uovo fecondato.

Nel caso in cui la fecondazione non abbia luogo, i livelli di progesterone calano in seguito alla degradazione del corpo luteo e inizia il sanguinamento del ciclo mestruale. Se, invece, l’ovulo viene fecondato, il corpo luteo continua a produrre progesterone fino a quando, dopo alcune settimane, viene rimpiazzato dalla placenta che lo sostituisce come fonte di progesterone e continua a produrlo per tutto l’arco della gravidanza.

Anche nei maschi viene prodotto il progesterone, anche se in misura nettamente inferiore rispetto alle donne. Negli uomini questo ormone è coinvolto nella produzione di sperma.

Quando e perché viene prescritto il test?

Il dosaggio del progesterone viene prescritto principalmente per valutare i casi di sospetta infertilità, per monitorare il ciclo ovarico o nell’eventualità di una gravidanza extra-uterina.

Il medico può prescrivere il test del progesterone all’inizio della gravidanza, in caso di sintomi che facciano pensare ad una minaccia di aborto o nel corso di essa per valutare le condizioni di placenta e feto.

Altre ragioni per le quali il monitoraggio del progesterone può essere richiesto sono:

  • Verificare il successo di una terapia farmacologica finalizzata a indurre ovulazione
  • A scadenze definite alle donne che seguono terapie con progesterone per il supporto della gravidanza
  • In caso di sanguinamento anomalo dell’utero in donne non gravide
  • Durante il ciclo mestruale per monitorare le variazioni della concentrazione di progesterone

Qual è il campione richiesto?

Per effettuare il dosaggio del progesterone è sufficiente un campione di sangue venoso.

Come ci si prepara all'esame?

Non c’è alcuna preparazione specifica per quanto riguarda questo esame. Tuttavia, è necessario fornire alcune informazioni al personale sanitario come ad esempio:

  • Ultimo ciclo mestruale
  • Settimana di gravidanza
  • Eventuali terapie a base di estrogeni o progesterone che possono influenzare il risultato del test

Cosa provoca la mancanza di progesterone?

L’interpretazione dei livelli di progesterone nell’organismo dipende da diverse condizioni quali fase del ciclo ovarico, eventuale gravidanza o ciclo mestruale. La concentrazione di progesterone, in particolare, aumenta dopo il rilascio dell’ovulo e rimane alta per alcuni giorni. Durante la gravidanza il progesterone continua a crescere, mentre diminuisce con l’inizio del ciclo mestruale.

Bassi livelli di progesterone, in caso di gravidanza, possono essere dovuti a:

  • Aborto
  • Gravidanza ectopica
  • Pre-eclampsia, una condizione clinica che può colpire le donne gravide e manifestarsi con ipertensione e proteine nelle urine (proteinuria). Nelle forme gravi può provocare danni renali, epatici e causare edema polmonare

Una bassa concentrazione di progesterone può essere dovuta anche a una ridotta funzionalità ovarica e amenorrea, ossia assenza di mestruazioni.

La mancanza di progesterone o livelli insufficienti di questo ormone possono manifestarsi con sintomi quali:

Altre informazioni utili da sapere

  • Concentrazioni di progesterone più alte della norma possono essere riscontrate occasionalmente anche in caso di cisti ovariche
  • L’aumento di questo ormone può essere provocato anche da una sovrapproduzione da parte delle ghiandole surrenali o in alcune forme rare di tumori ovarici.
  • Si registrano aumenti delle concentrazioni di progesterone nelle gravidanze molari, ossia le gravidanze che non arrivano a termine o, ancora, nelle gravidanze gemellari in cui i livelli di questo ormone sono ulteriormente più alti rispetto ad una gravidanza con un solo feto
  • Nella sua forma sintetica, il progesterone può essere somministrato come terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa
    Il progesterone è contenuto anche in alcune pillole contraccettive
  • Il dosaggio del progesterone non è necessario per le donne che hanno subito la rimozione dell’utero
  • Raramente il dosaggio del progesterone viene prescritto agli uomini, a meno che non ci sia il sospetto di una malattia surrenalica