Cerca nel sito
Chiudi

Il meningioma (tumore benigno delle meningi)


Con questo termine si intendono i tumori che originano dai tessuti che rivestono la parte esterna del cervello, le meningi.

Cos'è un meningioma alla testa?

Quando si parla di meningioma si intende un tumore che colpisce gli elementi cellulari appartenenti alle meningi. Interessa più spesso la dura madre, specialmente dove i villi aracnoidei sono più numerosi. È un tumore benigno, anche se può dare origine a compressione del cervello, erodere ed intaccare il tessuto osseo o, in rare occasioni, degenerare in un tumore maligno, trasformandosi in sarcoma. 

Questa tipologia di tumori:

  • Rappresenta il 30% dei tumori cerebrali
  • È due volte più frequente nelle donne
  • È più frequente negli adulti e negli anziani
  • Il loro rischio aumenta con l'età

Questi tumori hanno più probabilità di presentarsi in quei pazienti che hanno familiari affetti da neurofibromatosi, una sindrome genetica che porta allo sviluppo di diversi tumori benigni a livello delle meningi e dei nervi.

Che cos'è un meningioma benigno?

È un meningioma di grado I, rappresenta circa l'80% dei meningiomi ed è composto da cellule simili a quelle normali.

Alcuni di questi crescono intorno a strutture nervose vitali come:

  • Vasi
  • Nervi
  • Tronco cerebrale

Che cos'è un meningioma atipico?

È un meningioma di grado II o invasivo, rappresenta il 15-20% dei meningiomi e le cellule costituenti sono diverse da quelle normali.

Quali sono le cause di un meningioma?

Non si conoscono con esattezza le cause che ne determinano la formazione. Tuttavia, recentemente la loro formazione è stata collegata alla genesi di meningioma cancer stem cells, dove l'elemento caratteristico è l'acquisizione della mutazione NF1 e NF2.

Quali sono i sintomi di un meningioma?

La maggior percentuale di questi tumori è di tipo asintomatico, mentre il 30% presenta sintomi quali:

  • Crisi epilettiche
  • Deficit neurologici focali
  • Alterazioni comportamentali e cognitive

Forme di meningioma

  • M. anaplastico, forma identificabile per caratteristiche anaplastiche
  • M. angiomatoso, forma con scarsi canali vascolari ma di notevoli dimensioni 
  • M. dell’incisura olfattiva, forma che si sviluppa nell’incisura olfattiva in rapporto a uno dei due lobi frontali sottostanti; di solito dà origine ad anosmia unilaterale e ad altri sintomi e manifestazioni neurologiche variabili 
  • M. di transizione, forma costituita da un insieme di elementi sinciziali e fibroblastici 
  • M. emangioblastico, forma molto simile all’emangioblastoma capillare del cervelletto
  • M. emangiopericitico, forma che dal quadro istologico appare come un emangiopericitoma
  • Meningioma fibroso, forma in cui predominano cellule fibroblasto-simili
  • M. meningoteliomatoso, forma composta da cellule aventi una membrana cellulare scarsamente determinata e che, in apparenza, si presenta come un sincizio
  • M. mixomatoso, meningioma cha dal quadro istologico appare mixomatoso
  • M. parasagittale, forma che origina nella regione parasagittale, a cavallo tra i due emisferi cerebrali, e che spesso all'inizio si manifesta con una debolezza spastica di entrambi gli arti inferiori e dei piedi
  • M. psammomatoso, di solito spinale, la cui caratteristica principale è data dalle granulazioni sabbiose, dette anche corpi psammonosi

Come viene diagnosticato un meningioma?

Questi tumori vengono diagnosticati mediante:

Come curare un meningioma?

La cura si differenzia a seconda che il tumore sia asintomatico o sintomatico:

  • Quando si tratta di meningiomi asintomatici e di dimensioni ridotte, quindi con una crescita lenta, la cura consiste nell'osservazione e monitoraggio neuroradiologico (RM)
  • Nel caso di meningiomi sintomatici, con evidenza di crescita, la chirurgia può essere abbinata a neuronavigazione, fluorangiografia intraoperatoria, TC o RM intraoperatoria o monitoraggio neurofisiologico

 

La scheda si basa sulle informazioni contenute nel "Dizionario Medico" di Antonio Cancellara (Verduci Editore)