Cerca nel sito
Chiudi

La dermatite, che cos’è e come si cura

Con il termine dermatite si indica una condizione clinica caratterizzata da una serie di sintomi quali pelle arrossata, prurito, irritazione e, in alcuni casi, anche gonfiore

Che cos’è la dermatite?

La dermatite è una condizione clinica che fa parte delle patologie cutanee ed è caratterizzata da una serie di manifestazioni sintomatologiche tra le quali ci possono essere:

  • pelle arrossata
  • prurito
  • irritazione
  • gonfiore

In sostanza, si tratta di una infiammazione della cute che può essere attribuibile ad una molteplicità di ragioni. Tra le cause della dermatite più comuni ci sono reazioni allergiche o irritative, che rappresentano una risposta della pelle a fattori sia endogeni sia esogeni, queste reazioni si manifestano tipicamente con eruzioni cutanee.

Tra i fattori esterni più frequenti che possono innescare la dermatite ci sono:

  • allergeni
  • agenti chimici o fisici

Tra quelli interni, abbiamo tipicamente la liberazioni di fattori che possono innescare processi infiammatori. 

L’infiammazione, nella maggior parte dei casi, è improvvisa e a carico della pelle che può arrossarsi e diventare pruriginosa. La manifestazione cutanea può essere persistente nel tempo o solo momentanea, a seconda delle cause che l’hanno scatenata. Inoltre, può evolversi in forme più severe a causa di complicanze, provocando anche gonfiore, bolle e croste.

Come capire se si tratta di dermatite?

Le manifestazioni sintomatologiche con cui si può presentare la dermatite dipendono dalla causa che ha innescato questa condizione clinica. Nella maggior parte dei casi, però, hanno in comune sintomi abbastanza tipici quali, ad esempio, un’eruzione cutanea improvvisa, riconoscibile in quanto è spesso caratterizzata da:

  • rossore della pelle
  • desquamazione
  • vescicole
  • bolle
  • crosticine

La severità dei sintomi, a seconda dei casi, può essere più o meno grave e le manifestazioni più o meno fastidiose, con diversi gradi di infiammazione e prurito. A sua volta, quest’ultimo sintomo, se particolarmente intenso, può spingere il paziente a grattarsi e, di conseguenza, a causarsi anche lesioni o ferite che possono rischiare di infettarsi peggiorando la situazione.

Che tipo di dermatite ho?

La dermatite può manifestarsi in svariate forme e avere molteplici cause. Ecco quali sono le più comuni e da cosa hanno origine.

Dermatite atopica

La dermatite atopica è una forma molto comune tra i bambini e ha un’incidenza maggiore in questa fascia della popolazione rispetto agli adulti. Colpisce il 15-20% dei soggetti di età compresa tra 0 e 10 anni. Si tratta di una patologia infiammatoria a carico della pelle del bambino caratterizzata da:

  • eczema
  • sensazione di prurito (anche intenso)
  • secchezza della cute

Dermatite seborroica

Questa forma di dermatite colpisce tipicamente il cuoio capelluto, ma può estendersi anche al viso, coinvolgendo arcata sopraccigliare, fronte, guance o barba (si parla in questo caso di dermatite da barba), ma anche le pieghe del collo, la regione ascellare o l’area dell’inguine. Nei più piccoli, si può manifestare nelle pieghe del pannolino (dermatite da pannolino).

Tra i principali sintomi della dermatite seborroica c’è la pelle arrossata che, solitamente, è ricoperta da squame untuose e giallastre.

Dermatite da stress

Anche fattori piscofisici o emotivi possono costituire una causa delle tipiche manifestazioni sintomatologiche della dermatite. In questi casi si parla proprio di dermatite da stress, anche se in realtà gli esatti meccanismi che innescano la risposta della pelle non sono ancora del tutto chiari. Può accadere che gli aspetti emotivi e psicologici possano diventare una concausa di altri fattori come l’abuso di cosmetici, un eccessivo lavaggio o l’esposizione agli agenti atmosferici. In tali eventualità, la cute finisce col diventare una sorta di valvola di sfogo.

Dermatite da contatto

La dermatite da contatto può causare reazioni fortemente irritatite che possono anche comportare la formazione di vescicole nella regione della pelle coinvolta. Questa forma è causata solitamente dal contatto con:

  • sostanze irritanti come detersivi o agenti chimici in generale
  • sostanze urticanti
  • veleni (ad esempio il veleno contro gli insetti)

Diagnosi e prevenzione

La diagnosi di dermatite avviene solitamente in seguito a esame obiettivo condotto nel corso di una visita dermatologica. Nel caso in cui si sospetti che le cause di tale condizione clinica siano attribuibili ad allergia, possono essere anche condotti dei test ad hoc finalizzati a identificare l’allergene che può aver innescato la dermatite.

Non ci sono accorgimenti specifici che possano evitare la dermatite nelle sue varie declinazioni sintomatologiche. Tuttavia, è possibile seguire delle buone norme di comportamento che possono essere utili nella cura della pelle quali, ad esempio, evitare di lavarsi troppo frequentemente, abusando di prodotti e saponi più o meno aggressivi, che rischiano di indebolire la barriera cutanea negli strati più esterni.

Inoltre, è buona norma mantenere sempre una pelle idratata, visto che una cute eccessivamente secca può prestarsi più facilmente a fenomeni irritativi. 

Si può cercare, infine, di prevenire la dermatite anche attraverso l’abbigliamento, preferendo indumenti di cotone a quelli realizzati con fibre sintetiche.

Come si cura la dermatite?

Il modo di intervenire contro la dermatite dipende, innanzitutto, dalle cause che l’hanno innescata. È sempre consigliabile rivolgersi ad uno specialista per capire quale possa essere il trattamento migliore per risolvere in maniera efficace il problema.

Sul mercato sono presenti prodotti di tipo lenitivo che possono alleviare i sintomi più fastidiosi della dermatite, come il prurito o l’infiammazione. Si tratta principalmente di creme a base di magnesio silicato, ossido di zinco o prodotti con acido salicilico, utile a rimuovere la pelle morta o secca.

Nel caso delle dermatiti allergiche, per un periodo di tempo limitato, si può ricorrere a terapia cortisonica. Anche la fototerapia, infine, può risultare utile ad alleviare i sintomi più fastidiosi della dermatite.