Cerca nel sito
Chiudi

La parafrenia (malattia psichica)

Con il termine parafrenia si intende una malattia psichica ancora oggi non ben inquadrata. Presenta elementi comuni, ma anche differenziali, con la schizofrenia

Che cos’è la parafrenia

La parafrenia è una malattia psichica che tende a insorgere nell’età adulta o anche nella presenilità. Inizia ed evolve progressivamente per poi assumere un decorso cronico, che può durare per tutta la vita. La differenza sta proprio nell’età dell’insorgenza.

Cause della parafrenia

Non sono ancora chiare le cause scatenanti di questo disturbo, ma probabilmente sono da ricercare nel quadro clinico delle psicosi.

Sono diversi i fattori determinanti nel ruolo di questa malattia:

  • Fattori di tipo ereditario, i disturbi psicotici tendono a riproporsi all’interno della stessa cerchia familiare
  • Fattori ambientali come lo stress, l’ansia, l’abuso di droghe e fattori rilevanti nella vita dell’individuo

Sintomi della parafrenia

La parafrenia è una malattia psichica caratterizzata da illusioni e da allucinazioni che sono soprattutto uditive, olfattive e gustative, ma presenta specialmente un delirio cronico dove si ha la prevalenza dell’elemento immaginativo e fantasioso, con in aggiunta contenuti assurdi, infantili e che sanno di favola.

Nella parafrenia, a differenza di quanto avviene con la schizofrenia, se si escludono le fasi di delirio, nel paziente sono ben conservate la coesione della personalità e la compartecipazione affettiva alla realtà. Per questo motivo, il soggetto affetto da parafrenia mantiene un’autonomia discreta e una relativa capacità nei rapporti sociali e nei confronti dei propri impegni.

D'altro canto, oltre a questi sintomi, è comune che si manifesti anche la sindrome di Capgras che porta a non riconoscere, nel soggetto in questione, persone care trattandole da estranee.

Tipi di parafrenia

Secondo Kraepelein la parafrenia si distingue in parafrenia confabulatoria, espansiva, fantastica e sistematica:

  • parafrenia confabulatoria, in questa forma sono pressoché assenti i fenomeni allucinatori e il quadro clinico è dominato da una produzione immaginifica florida e fantasiosa, centrata su temi di grandezza che si arricchiscono con costruzioni avventurose o mitologiche. Può insorgere improvvisamente in soggetti di età tra i 20-40 anni e ha un’evoluzione a poussées alternando fasi produttive a periodi quasi silenti
  • parafrenia espansiva, definita anche mania delirante cronica, questa forma si caratterizza per un’espansione del tono affettivo di tipo ipomaniacale, con euforia, iperattività, logorrea, stravaganza, che si accompagna a idee deliranti di grandezza, potenza fisica, economica e intellettiva. Talora esistono tematiche persecutorie o di gelosia. Interessa specie il sesso femminile ed è la forma a prognosi migliore
  • parafrenia fantastica, è la forma più frequente e prende avvio dal rapido instaurarsi di una sindrome di automatismo mentale con allucinazioni, eco del pensiero, esperienze di influenzamento e telepatia, intuizioni e interpretazioni deliranti sulle quali nasce e si sviluppa il delirio esuberante, florido, persistente. I temi più frequenti sono quelli di persecuzione e di influenzamento, ma non mancano idee deliranti di negazione a cui si associano idee di colpa. Il malato conserva tuttavia un buon contatto con la realtà sociale ed il proprio patrimonio logico ideativo e affettivo
  • parafrenia sistematica, è la forma a più lenta insorgenza e prende avvio in modo subdolo verso i 30-40 anni di età, con una tendenza prima sfumata, quindi sempre più marcata, all’interpretazione e all’intuizione delirante, in genere in chiave persecutoria. Insorgono successivamente illusioni, allucinazioni prevalentemente uditive e infine il delirio. Prevalgono i temi di grandezza o di persecuzione con implicazioni magiche, soprannaturali e metafisiche. L’evoluzione può essere verso una stabilizzazione del quadro e spesso si assiste a una attenuazione e all’impoverimento delle tematiche

Si può presentare anche una parafrenia tardiva con manifestazioni di paranoia, ma senza sintomi di demenza degenerativa. Questa si riscontra dopo i 65 anni.

Cura della parafrenia

È necessario che ogni soggetto venga trattato in maniera distinta e che anche il trattamento rispecchi questo aspetto perché ognuno può presentare sintomi differenti e di diversa entità.

I farmaci impiegati nella cura alla parafrenia sono i neurolettici, che vengono usati anche nella terapia dei disturbi psicotici. Questi farmaci aiutano infatti a contrastare sintomi come: deliri, cambiamenti d’umore, allucinazioni, agitazione psicomotoria.

I neurolettici atipici sono i farmaci più utilizzati e mentre nella fase acuta vengono somministrati in dosi elevate per contrastare i sintomi gravi, nella fase di mantenimento e di controllo della patologia i neurolettici vengono prescritti in quantità più ridotte.

I soggetti in terapia con neurolettici e che seguono anche un percorso psicoterapeutico riescono ad avere una vita normale, sia a livello lavorativo, che familiare e sociale.

 

La scheda si basa sulle informazioni contenute nel "Dizionario Medico" di Antonio Cancellara (Verduci Editore)