Cerca nel sito
Chiudi

Il kerion (infezione dermatofitica del cuoio capelluto)


Con il termine kerion ci si riferisce a una malattia della pelle provocata da un fungo microscopico del genere Tricophyton e più raramente del genere Microsporon.

Che cosa è il kerion?

Il kerion è un'infezione da funghi dermatofiti, altamente infiammatoria e purulenta, che di solito si verifica a livello del cuoio capelluto, nell’area della barba o su un arto in coincidenza dei follicoli piliferi. Il kerion si osserva sia nei bambini che negli adulti che hanno avuto frequenti contatti con animali.

Il kerion provoca un'eruzione cutanea a forma di anello e per questo motivo l'infezione viene denominata tigna.

Come si manifesta la tigna nell'uomo?

La tigna nell'uomo si manifesta:

  • Nel cuoio capelluto
  • Nella nuca
  • Nelle regioni della barba, delle mani, degli avambracci

Il kerion si manifesta sotto forma di una chiazza cutanea (o di una chiazza di alopecia):

  • Arrossata
  • Dolente
  • Molle
  • Rilevata
  • Della grandezza di 5-7 cm di diametro

Sulla sommità della chiazza sono presenti pustole e croste.

Quali sono i sintomi della tigna del cuoio capelluto?

I sintomi della tigna sono relativi a:

  • Una chiazza di alopecia
  • Una eruzione cutanea squamosa e secca sul capo, che può risultare anche pruriginosa
  • Desquamazione del cuoio capelluto, simile a forfora
  • Una chiazza gonfia e dolente sul cuoio capelluto che può trasformarsi in una vescicola o essudare in pus

Che cosa è il kerion celsi?

Con il termine kerion celsi si intende la tricofizia granulomatosa profonda provocata di solito da Tricophyton di origine animale, specie Tricophyton mentagrophytes e più raramente Tricophyton canis.

Si osserva in bambini e adulti a contatto con bovini, localizzata al cuoio capelluto (specie zona occipitale), alla nuca, alla regione della barba, al dorso delle mani, al polso e agli avambracci. È caratterizzata da una chiazza eritemato squamosa, con superficie alopecica e ricoperta da pustole e formazioni crostose da cui fuoriesce materiale purulento. Può associarsi anche febbre. 

Come si diagnostica la tigna nell'uomo?

La tigna nell'uomo viene diagnosticata mediante una visita, dove il medico può osservare le lesioni o prelevare un capello ed effettuare un piccolo raschiamento del cuoio capelluto per visionare il tutto al microscopio. Oppure il medico può osservare il cuoio capelluto grazie a una luce UV che risulta essere il metodo discriminante per riconoscere una dermatofitosi dalle altre eruzioni cutanee.

Come si cura la tigna del cuoio capelluto?

L'affezione ha decorso subacuto e solitamente guarisce spontaneamente nell'arco di un mese lasciando però una cicatrice. La cura del cuoio capelluto si basa sull'applicazione di pomate locali antimicotiche, shampoo speciali e terapia farmacologica per uso orale (antimicotici o corticosteroidi).

 

La scheda si basa sulle informazioni contenute nel "Dizionario Medico" di Antonio Cancellara (Verduci Editore)