Cerca nel sito
Chiudi

Le emorroidi

Le emorroidi sono la più diffusa causa di sofferenza della regione anorettale. Scopri quali sono i sintomi, come si effettua la diagnosi e le cure di questa patologia
A cura di
Francesco
Colombo

Che cosa sono le emorroidi?

Le emorroidi sono dei cuscinetti di tessuto vascolarizzato prevalentemente a sangue venoso localizzati nel canale anale. Normalmente svolgono un importante ruolo nel mantenimento della continenza fecale.

Solo quando danno dei sintomi si parla di patologia emorroidaria. Si tratta della più diffusa causa di sofferenza della zona anorettale. Oltre il 50% della popolazione adulta occidentale soffre o ha sofferto di malattia emorroidaria. A esserne colpita maggiormente è la fascia anagrafica tra i 45 e i 65 anni.

Quando preoccuparsi per le emorroidi?

Molti pazienti rimandano una visita specialistica sino a quando i sintomi diventano particolarmente significativi e invalidanti. In realtà le cure attuali permettono di migliorare o risolvere i sintomi rapidamente, se si interviene negli stadi iniziali della patologia.

Tipi di emorroidi

Si parla di malattia emorroidaria quando le emorroidi, a seguito di un processo infiammatorio, escono nel canale anale.

Le emorroidi possono essere interne o esterne.

Le emorroidi interne

Le emorroidi interne aumentano di volume all’interno dell'ano, e si fanno riconoscere in genere solo durante il passaggio delle feci con dolore, perdita di sangue e prurito. Possono fuoriuscire all'esterno dell'ano e rientrare da sole o con l'aiuto delle dita, e sono molto dolorose se non si riesce a riposizionarle all’interno del canale anale.

Le emorroidi esterne

Le emorroidi esterne si sviluppano al margine dell'ano, sotto tensione possono essere molto dolorose, e, più frequentemente di quelle interne, possono complicarsi con la formazione di coaguli al loro interno (trombosi emorroidaria).

Emorroidi, i diversi stadi

A seconda del grado di avanzamento della patologia si distinguono quattro stadi:

  • Emorroidi di primo grado: il rigonfiamento dei cuscinetti emorroidari è presente solo all’interno dell’ano
  • Emorroidi di secondo grado: in seguito a un particolare sforzo, compare il prolasso delle emorroidi all’esterno dello sfintere, ma regredisce in modo spontaneo una volta cessato lo stimolo
  • Emorroidi di terzo grado: il prolasso si presenta indipendentemente da sforzi, le emorroidi possono essere riposizionate manualmente all’interno del canale anale
  • Emorroidi di quarto grado: le emorroidi risultano prolassate in modo permanente e non possono essere ricollocate dentro l’ano

Cause e sintomi delle emorroidi

La patologia emorroidaria si sviluppa quando il sangue si accumula all’interno delle emorroidi facendole gonfiare e cedere verso il basso. Ciò provoca la lesione delle pareti sanguigne e la flessione dei tessuti della regione anorettale.

Non esiste un'unica causa per la comparsa di questo fenomeno. I fattori che ne favoriscono l'insorgenza sono:

  • L'aumentare dell'età
  • La stipsi cronica e in generale le eccessive spinte per evacuare le feci
  • La lunga permanenza sulla tazza da bagno
  • La tendenza a mantenere a lungo la stazione eretta
  • Uno stile di vita sedentario
  • Un’alimentazione scarsamente ricca di fibre, un insufficiente apporto d’acqua o il consumo di alimenti irritanti che causano un’alterazione delle funzioni intestinali (feci molto dure o diarrea)
  • La gravidanza, per i cambiamenti ormonali legati alla gestazione e la pressione del feto sulla regione pelvica
  • Sovrappeso e obesità
  • Farmaci come anticoncezionali e lassativi
  • I fattori ereditari

Come si fa a capire se sono emorroidi?

I sintomi più comuni associati al rigonfiamento delle emorroidi sono:

  • Il sanguinamento durante la defecazione con sangue rosso vivo
  • Il prolasso, che può rientrare più o meno facilmente
  • Il prurito anale spesso accompagnato dalla sensazione di ano umido
  • Il dolore/bruciore
  • Il nodulo o la tumefazione dolorosa intorno all'ano

Come avviene la diagnosi?

All'esterno le emorroidi sono visibili solo se di grado avanzato, oppure si possono vedere le complicanze della patologia emorroidaria, come le trombosi.

Il medico designato alla diagnosi delle emorroidi è il colonproctologo. La visita specialistica prevede un’ispezione della zona anale volta a osservare l’eventuale presenza di prolassi, ragadi, fistole, ascessi e sintomi di infezione.

All’osservazione visiva delle emorroidi segue l’esplorazione rettale, che si effettua inserendo un dito lubrificato all’interno del retto allo scopo di valutare il tono dell’orifizio anale e appurare la presenza di masse e rigonfiamenti.

L'anoscopia è invece l'esame indicato per confermare la presenza della malattia emorroidaria, classificarne l'entità ed escludere o individuare altre patologie proctologiche associate.

Cosa fare per far passare le emorroidi?

La cura prevista in caso di patologia emorroidaria varia a seconda della durata e dello stadio di sviluppo del disturbo.

La terapia iniziale è mirata alla cura della causa. Nella maggior parte dei casi si procede al trattamento della stipsi con lassativi o fibre vegetali; alla correzione della diarrea; all’educazione a una corretta defecazione; alla modifica delle abitudini alimentari e alla cura dello spasmo e del dolore perianale.

Nelle fasi acute, con presenza di spiccato edema e dolore, è necessario invece un trattamento analgesico e decongestionante mediante farmaci e pomate locali.

Nel caso di emorroidi interne emorragiche, il medico può ricorrere a diverse modalità (non chirurgiche) di intervento:

  • La scleroterapia iniettiva, ovvero l’iniezione di una sostanza che provoca la necrosi delle emorroidi
  • La fotocoagulazione a raggi infrarossi, che consiste nel trattamento delle emorroidi sanguinanti con una luce a infrarossi
  • La legatura elastica, una procedura attraverso la quale le emorroidi vengono legate con elastici di gomma che ne causano la scomparsa

Qualora, nonostante la terapia, i sintomi perdurassero o addirittura peggiorassero, è necessario considerare un intervento chirurgico di asportazione, ambulatoriale o in regime di Day Hospital.

Consigli per la prevenzione

Per prevenire l’infiammazione delle emorroidi è necessario adottare uno stile di vita sano ed equilibrato, osservando i seguenti accorgimenti:

  • Seguire una dieta ricca di fibre (frutta e verdura)
  • Bere molto (1.5-2 litri al giorno)
  • Evitare di fare sforzi defecatori senza stimolo
  • Non reprimere lo stimolo defecatorio
  • Evitare uno stile di vita sedentario
  • Fare un'attività fisica regolare