Cerca nel sito
Chiudi
Prestazione

Visita Urologica E Analisi Del Microbiota

55 € Prenota
Dove
Milano, Monza e dintorni
Bologna
Brescia
Bergamo e dintorni
Vigevano
Roma

Che cos'è la visita urologica?

La visita urologica viene svolta dal medico urologo, specialista nelle malattie dell'apparato urinario. Il medico urologo si occupa dell'indagine di sintomi relativi alla minzione (espulsione dell'urina), della diagnosi e la cura delle malattie renali e delle vie urinarie di uomini e donne.

Inoltre l'urologo è esperto nella diagnosi di malattie degli organi sessuali maschili quali la prostata, il pene e i testicoli.

Come si svolge la visita urologica?

Durante la prima fase di anamnesi il paziente viene invitato a raccontare i suoi sintomi, le eventuali patologie pregresse, gli interventi chirurgici eseguiti in passato, i farmaci in assunzione, l'eventuale presenza di familiarità per malattie urologiche, l'attività lavorativa e sportiva, l'assunzione di alcol e fumo.

La visita si basa sui sintomi lamentati dal paziente. Il paziente è invitato a raccontare le sue modalità di minzione, tutto ciò che crea disagio nella sua quotidianità, l'eventuale presenza di cambiamenti nella sfera sessuale. Sarà importante anche citare disturbi magari episodici o unici come l'emissione di urine sporche di sangue (ematuria).

Il medico urologo procede poi all'esame obiettivo: a fronte della sintomatologia, valuta con una ispezione accorta dell'addome l'eventuale presenza di masse, un mancato svuotamento della vescica (globo vescicale), la regione lombare per riscontrare eventuali dolori alla palpazione renale, i genitali esterni.

A questo punto l'urologo potrebbe consigliare eventuali esami diagnostici tra i quali:

  • Uroflussimetria: esame molto semplice e non invasivo. Il paziente deve prepararsi avendo cura di mantenere la vescica piena in modo tale da eseguire l'esame con il normale stimolo minzionale che avverte a casa prima di svuotare la vescica. Dovrà infatti urinare all'interno di un contenitore collegato a sua volta ad un computer che trasformerà il flusso in un grafico. Il flusso potrà quindi essere normale oppure indicare un quadro di ostruzione e confermando o meno quanto raccontato dal paziente;
  • Ecografia dell'apparato urinario e prostatica: esame senza emissione di radiazioni. Consente la visualizzazione dei reni e della vescica escludendo altre patologie gravi come tumori, ma anche la presenza di calcoli o malformazioni congenite.
  • Ispezione endorettale: viene eseguita nei pazienti uomini mediante l'introduzione di una sonda endorettale che permette di rilevare le dimensioni precise della ghiandola prostatica, la conformazione ed eventuali aree sospette.
  • Esami di laboratorio: i due esami principali della diagnostica di laboratorio negli uomini affetti da disturbi minzionali sono l'esame delle urine e il dosaggio del PSA (il marcatore tumore della prostata). Solo in casi particolari sarà consigliata l'esecuzione di esami come la glicemia, emocromo, creatininemia ed urinocoltura.

Quando sottoporsi a una visita urologica?

Nella maggior parte dei casi i pazienti decidono di interpellare il parere di un urologo per l'insorgenza di sintomi al momento di urinare. Questo è più frequente in età avanzata e, sebbene sia normale andando avanti con l'età non urinare più come da giovani, non bisogna rassegnarsi a vedere alterata la propria qualità della vita. In questi casi è importante non rimandare la visita per non rischiare di determinare un ritardo nell'inizio di un'eventuale terapia e quindi di compromettere le funzioni della vescica. I sintomi più frequenti che portano i pazienti dall'urologo sono:

  • minzione difficoltosa con flusso ridotto e stentato;
  • prolungata attesa ad iniziare la minzione;
  • senso di mancato svuotamento della vescica;
  • frequente urgenza di urinare (incontinenza);
  • aumento della frequenza della minzione sia nelle ore diurne che, soprattutto, nelle notturne.

Tali sintomi possono essere dovuti a patologie, come un calcolo in vescica, un'infezione delle vie urinarie o una patologia tumorale.

Come prepararsi alla visita urologica?

La visita urologica non prevede una preparazione specifica. Portare la documentazione medica e i referti di eventuali altri esami dell'apparato urinario.

La visita urologica è pericolosa o dolorosa?

La visita urologica non è pericolosa o invasiva. L'ispezione endorettale viene praticata con tutte le attenzioni per ridurre il fastidio al minimo.

Che cos'è e a che cosa serve l'esame del microbiota?

Il microbiota è l'insieme di batteri, funghi, virus e protisti che popolano il nostro intestino. La composizione del microbiota è diversa e unica in ognuno di noi.
Un microbiota sano ci protegge da diverse patologie (obesità, diabete di tipo II, sindrome metabolica, malattie infiammatorie intestinali, diverticoli, cancro del colon-retto, artrite reumatoide, allergie...) calibrando e regolando le nostre funzioni metaboliche e immunitarie.
Diversamente, un'alterata composizione dell'ecosistema (disbiosi) può favorire l'insorgenza di queste patologie.
Anche disturbi ricorrenti di lieve o moderata entità (vaginite, cistite, coliti episodiche, diarree ricorrenti, stipsi, flatulenza, difficoltà digestive, disturbi uro-ginecologici...) possono essere correlati a un microbiota dalla composizione non equilibrata.
Conoscere la composizione del nostro microbiota significa avere uno strumento per preservarne o migliorarne l'equilibrio grazie a opportune modifiche della dieta e dello stile di vita, favorendone il mantenimento o il recupero di un profilo sano.

Come si esegue l'esame?

Eseguire l'esame del microbiota è semplice e non invasivo:

  • acquista il kit Esame del Microbiota nelle sedi del Centro Medico Santagostino, tutte tranne viale Vittorio Veneto, via Foppa, Cadorna e piazza Sant'Agostino 18;
  • una volta a casa, raccogli le feci seguendo le indicazioni che trovi nel kit;
  • conservale in frigorifero per non più di 24 ore e consegnale in una delle nostre sedi, i giorni utili per il ritiro sono il lunedì, martedì e mercoledì. Non si accettano kit il giovedì e venerdì;
  • a questo punto puoi prenotare la visita dietologica e analisi del microbiota che può essere fatta solo dopo 6 settimane da quando hai consegnato il kit all'accettazione;
  • durante la visita il dietologo ti consegnerà il referto.

Quanto costa?

Il kit dell'esame del microbiota costa 160 euro, la visita con lo specialista con l'analisi del microbiota e consegna del referto costa 50 euro.

Quali altri disturbi possono essere indagati con l'esame del microbiota?

Il test del microbiota può essere utile per indagare l'origine di:

  • vaginiti e cistiti, prenotando una visita ginecologica e analisi del microbiota o una visita urologica e analisi del microbiota;
  • disturbi gastrointestinali, prenotando una visita gastroenterologica e analisi del microbiota;
  • disturbi in età pediatrica e disturbi dell'accrescimento prenotando una visita pediatrica e analisi del microbiota;
  • disturbi legati all'alimentazione, prenotando una visita dietologica e analisi microbiota.

Il costo delle visite è sempre di 50 euro.

Quanto costa la visita Urologica E Analisi Del Microbiota?

Una visita Urologica E Analisi Del Microbiota al Santagostino costa 55 euro.

Specialità

  • Urologia

Equipe

Giampietro
Appiani
Gianluigi
Caldera
Giacomo
Di Cosmo
Fabio
Leva
Carmen
Maccagnano
Franco
Mantovani
Ciro
Pesce